Dopo il parto, è possibile tornare in forma ed eliminare la pancetta in eccesso?

Questa è la domanda che moltissime mamme si pongono. La risposta in linea generale è sì, ma ci vuole del tempo, molta pazienza e la consapevolezza che non tutte siamo uguali e che la capacità di recuperare una certa forma fisica dipende da diverse variabili, quali:

  • la forma e le caratteristiche fisiche precedenti al parto;
  • il peso iniziale ed  i chili aggiunti durante la gestazione;
  • la pratica di attività fisica regolare;
  • la predisposizione genetica.

In linea generale, è più facile perdere peso nel caso di primo parto, se si allatta al seno, se non si sono presi più di 13 kg e se si praticava attività fisica regolare durante la gravidanza, considerando che per ritornare al peso di partenza ci vorranno non meno di 6 mesi.

A discapito di queste differenze, le modalità per ripristinare un buon tono addominale sono validi per tutte. Ecco i nostri 5 preziosi consigli.

1. Per i 10-15 giorni successivi al parto possiamo usare una panciera, indicata anche dagli specialisti al fine di compensare le alterazioni posturali, sostenere i tessuti ed agevolare i movimenti. L’importante è utilizzare la panciera solo quando si sta in piedi e non prolungarne l’utilizzo oltre le due settimane, per non ottenere un eccessivo rilassamento delle fasce muscolari addominali e lombari. Se siete state sottoposte a parto cesareo, scegliete con accortezza una panciera morbida e non costrittiva. Prestiamo attenzione alla postura, mantenendo le spalle rilassate e aperte e la schiena dritta;
2. A partire da due settimane dopo il parto (se naturale, senza taglio cesareo) e comunque con il benestare del ginecologo o del vostro curante, camminiamo almeno 30 minuti al giorno a passo svelto, anche e anzi ancor meglio con il passeggino (così non abbiamo il problema di non sapere come fare a lasciare nostro figlio senza di noi ed aumentiamo l’intensità del movimento)
3. Facciamo sport con movimenti ed esercizi specifici per recuperare il tono muscolare di arti inferiori e superiori ma soprattutto dedicati all’addome, meglio se guidati da istruttori esperti (ad esempio quelli di mumup asd, studiati anche per permettervi di allenarvi in compagnia del vostro bimbo! );
4. Seguiamo una alimentazione equilibrata, povera di sale e grassi, ricca di tutti i principali nutrienti e rispettosa dell’allattamento, meglio ancora se pianificata con il supporto di un nutrizionista e ricordiamoci di bere almeno 2 litri di acqua per mantenere una buona idratazione;
5. Utilizziamo una crema rassodante ed elasticizzante, scegliendo prodotti ricchi di elastina, collage e principi attivi contro le smagliature, come ad esempio la rosa mosqueta e preparazioni a base di oli naturali, ottimi anche per fare degli automassaggi; se possiamo effettuiamo dei trattamenti estetici ad hoc che comprendano peeling, idratazione e massaggi drenanti.

Il consiglio più importante: prendiamoci cura del nostro bambino ma non dimentichiamoci di noi stesse.