Care amiche in dolce attesa, avete letto il mio post sullo sport in gravidanza? Ecco, se  date un’occhiata capirete il perché di tutto questo: perché io, che sono una grande sportiva ed ho lo sport nel sangue mio ed in quello di mio marito, mi sono sempre chiesta: quando rimarrò incinta, come farò a tenermi in forma?

Tenersi in forma non è solo una questione di estetica, ma è prima di tutto una questione di salute: perché fare attività fisica e tenere il corpo in movimento, insieme ad una buona alimentazione, supporta la mente nel mantenimento di un buon equilibrio interiore, favorisce gli organi nello svolgimento delle loro preziose funzioni e aiuta i muscoli e le articolazioni a mantenere una buona tonicità ed una buona flessibilità, tutto sommato aiutandoci ad essere persone sane.

Inoltre per chi ha problemi cronici o patologie particolari (ma molto diffuse) come ernie, spondilolistesi, dolori alle ginocchia, etc., la gravidanza è un momento davvero delicato che può mettere in difficoltà un equilibrio già “precario”, con sollecitazioni superiori alla “normalità” dovute ai cambiamenti ormonali e all’aumento del peso e della curva lombare.

Infine, ma non per ultimo e anzi importantissimo, è il contributo che l’attività fisica svolta in gravidanza può dare al parto.

Ok, abbiamo capito. E allora che si fa?

Si fa ginnastica! Ad esempio con noi di Mumup!

Infatti quello che proponiamo (e che è stato un po’ il motore della nascita della nostra associazione sportiva, insieme alla voglia di creare un punto di incontro e condivisione per le coppie che cercano una gravidanza, per chi è in dolce attesa e per le mamme e le famiglie che vivono la gioia di avere uno o più figli NdR) è un percorso di attività fisica che parte con la ricerca della gravidanza (lo sport ed il movimento influiscono anche sulla fertilità), che procede con la gravidanza, attraverso un corso dedicato di ginnastica (ma anche di yoga, danza, posturale) e che accompagna le mamme dopo la nascita del bimbo con il corso di ginnastica con il passeggino/marsupio e tante altre opportunità sportive mamma-bebè, papà-bebè e per la famiglia intera.

Ma cosa si fa nello specifico in un corso di Gravidanza in Forma?

Innanzitutto si chiede il parere al medico, per essere sicuri che la gravidanza sia fisiologica e che non ci siano controindicazioni alla pratica sportiva: poi, si verifica la situazione della donna, come il mese di gestazione ed il livello di allenamento ed infine si stabilisce il programma, che varierà di intensità e nella tipologia di esercizi proposti in base alle variabili analizzate.

In linea generale, il programma di allenamento prevederà esercizi di stretching, tonificazione e rilassamento, con l’obiettivo di sentirsi in forma, mantenendo un rapporto positivo con il proprio corpo ed aiutando a controllare il peso, ad allentare le tensioni e le ansie e ad affrontare il parto in maniera attiva, favorendo il recupero nel post parto.

L’allenamento si svolgerà con il supporto di alcuni attrezzi, come il tappettino, la fitball, una sedia o uno sgabello, le bande elastiche, piccoli pesetti e macchinari (se previsto), cuscini, palline, foam roller a altri semplici strumenti.

L’attività potrà essere svolta in gruppo (piccoli gruppi) o anche in singolo o duetto con un personal trainer ed in locali adatti alla pratica sportiva.

Per concludere, il mio consiglio è quello di battere la pigrizia e la paura, armarsi di un bel paio di scarpe da ginnastica colorate ed il sorriso più luminoso e correre (leggasi incamminarsi) a fare lezione, con una mano sul pancione, per prenderci cura di noi stesse e con l’occasione conoscere altre donne in dolce attesa!

Vi aspetto.

Maria